La Malalegna

Rosa Ventrella

Mondadori Editore

pp. 287

euro 18,00

Acquista qui

Rosa Ventrella

La malalegna

Mondadori

in libreria dal 30 aprile 2019

Venduti i diritti in Francia (Les Escales), Svezia (Pirat Forlaget), Spagna e Latino America (Edhasa editorial), Olanda (Xander) Portogallo (Leya Dom Quixote) e Romania (Colibrì).

Venduti i diritti di opzione cinematografica

Rosa Ventrella è un autentico caso internazionale, il suo precedente romanzo, Storia di una famiglia perbene, è in corso di pubblicazione in 16 paesi ed è già in produzione la serie tv tratta dal romanzo.

 

«La sua scrittura ha la ruvida e arcana bellezza di una Murgia in Sardegna o di una Laura Pariani nelle terre del Nord.» La Stampa 

Teresa e Angelina sono sorelle diverse in tutto: tanto delicata, schiva e silenziosa è Teresa, la voce narrante di questa storia, quanto vitale, curiosa e impertinente è Angelina, la sorella più piccola.

Siamo all’inizio degli anni Quaranta a Copertino, nelle Terre d’Arneo, un’immensa distesa di campi coltivati nel cuore della Puglia. Qui, Teresa e Angelina crescono in una famiglia di braccianti, povera ma allegra e piena di risorse: i nonni sono dei grandi narratori, briganti, lupi e masciare diventano vivi nei loro racconti davanti al camino, mentre la madre Caterina ha ricevuto in sorte una bellezza moresca, fiera, che cattura gli sguardi di tutti gli uomini, compreso quello del barone Personè, il latifondista più potente del paese. “La tua bellezza è una condanna” le dice sempre nonna Assunta. Una bellezza – e una condanna – che sono toccate in eredità ad Angelina.

Quando il padre parte per la guerra lasciando sole le tre donne, Caterina per mantenere le figlie non ha altre armi se non quella bellezza, ed è costretta a cedere a un terribile compromesso. O, forse, a un inconfessabile desiderio.

È qui che comincia a essere braccata dalla malalegna, il chiacchiericcio velenoso delle malelingue, un concerto di bisbigli che serpeggia da un uscio all’altro e la segue ovunque. Questa vergogna, che infetta tutta la famiglia, avrà su Angelina l’effetto opposto: lei, che non sopporta di vivere nella miseria, inseguirà sfacciatamente l’amore delle favole. Anche a costo di rimanerne vittima.

Sono la nostalgia e il rimpianto a muovere con passo delicato la voce di Teresa, che, ricostruendo la parabola di una famiglia, ci riconsegna un capitolo di storia italiana, dalla Seconda guerra mondiale alle lotte dei contadini salentini per strappare le terre ai padroni nel 1950.

Con una voce ruvida e di arcana bellezza, Rosa Ventrella scrive un magnifico romanzo corale, animato da comari, briganti e mammane, in cui protagonista è anche la terra: un lembo di Puglia aspro e profumato, coperto da rovi e fichi d’India, capace di dare tutto e tutto togliere.

Hanno scritto de  La malalegna

“Un profondo Sud, dalla guerra agli anni ‘50. Una storia al femminile, tra italiano e dialetto. E una scrittrice, Rosa Ventrella, che per i francesi è già la “nuova Ferrante”.

Marco Bracconi, Venerdì di Repubblica

 

“La malalegna consagra Rosa Ventrella scrittrice di razza”.

Carlotta Vissani, Tu Style

 

“La saga familiare di Rosa Ventrella scorre dalla seconda guerra mondiale alle lotte agrarie degli anni ’50, soto la nuvola nera della malalegna, la maldicenza che in ogni tempo trova nelle donne le sue vittme preferite”. Cristina De Stefano, Elle

 

“Una saga familiare dalle tinte forti che cattura il lettore per la capacità di coinvolgimento che la narrazione riesce a trasmettere. Capacità che soltanto i grandi narratori possiedono.” Flaminia Marinaro, Il Foglio

 

 

Rosa Ventrella è nata a Bari ma vive a Cremona. È laureata in Storia contemporanea e ha un Master in Dirigenza Scolastica. Si è occupata di condizione femminile nella Storia e insegna scrittura creativa. Con Newton Compton ha pubblicato Il giardino degli oleandri, Innamorarsi a Parigi e Storia di una famiglia perbene (2018). 

Il logo è stato ideato e realizzato dall'artista Silvia Ghelardini

Walkabout literary agency s.n.c - P. Iva 12761361000 REA RM-1398293